Maggiore visibilità per le vostre notizie, articoli e comunicati stampa

Archivio per luglio, 2022

Grecia, maxi piano di investimenti su treni e bus da parte del Gruppo FS

Il modello di Gruppo FS alla conquista del mercato europeo dei trasporti. Presentato dall’AD Luigi Ferraris il maxi piano di investimenti per il trasporto ferroviario passeggeri e merci in Grecia.

Gruppo FS: Hellenic Train in Grecia per sviluppare l’intermodalità

Il settore europeo dei trasporti rappresenta sempre più il mercato domestico del Gruppo FS. Lo aveva evidenziato l’AD Luigi Ferraris presentando il Piano Industriale 2022-2031 e lo dimostrano ora anche i più recenti progetti di FS Italiane a livello continentale. Ne è un esempio il lancio di Hellenic Train, nuova società in Grecia per il trasporto ferroviario passeggeri e merci, controllata da Trenitalia. La presentazione è avvenuta il 1° luglio in occasione della visita ad Atene del Ministro dell’Economia e delle Finanze Daniele Franco, accompagnato dall’AD Luigi Ferraris. Nota fino ad oggi come TrainOSE, Hellenic Train rientra interamente nel Polo passeggeri di FS Italiane, nato a seguito del Piano Industriale 2022-2031. Come annunciato dal Gruppo FS, tra Atene e Salonicco sono già operativi gli Etr 470, elettrotreni veloci ed eleganti utilizzati anche in Italia e Svizzera. Il piano presentato prevede investimenti sulle stazioni e sulle connessioni intermodali, con bus di ultima generazione per collegare le stazioni con gli aeroporti e i porti. Non solo: ulteriori soluzioni innovative come il “contactless ticketing” e massima attenzione all’intero ciclo di viaggio, dal primo miglio alla meta finale. Il Gruppo ha già investito in Grecia 45,2 milioni di euro nel 2021: la nascita di Hellenic Train porterà a nuovi investimenti, ad esempio per l’acquisto di 10 treni a idrogeno e 10 convogli elettrici.

L’esperienza del Gruppo FS esportata in Europa

“La nascita di Hellenic Train non è solo nel nuovo nome della società, ma è l’inizio di un tempo nuovo della mobilità ferroviaria in Grecia”, così l’AD del Gruppo FS Luigi Ferraris, che ha evidenziato come questo sia “solo il primo passo verso lo sviluppo dei collegamenti in Grecia e ha come principale obiettivo il trasferimento modale dall’aereo e dall’autobus – oggi utilizzati tra Atene e Salonicco – verso il treno”. La sfida è “mettere a disposizione le nostre conoscenze e l’esperienza maturata in Italia per creare in Europa, e anche qui in Grecia, altri modelli positivi e di successo”, ha aggiunto l’AD. Non è solo in Grecia, infatti, che il Gruppo FS intende esportare il proprio patrimonio di competenze ingegneristiche, tecnologiche e progettuali. Ad oggi, Trenitalia e Busitalia sono già presenti in diversi Paesi europei: tra questi, in Francia, dove sono attivi da dicembre 2021 i servizi Alta Velocità tra Milano e Parigi (passando per Torino e Lione), con un potenziamento anche dei collegamenti tra Parigi e Lione; in Gran Bretagna, con Trenitalia c2c (Londra-Glasgow), a cui si aggiungeranno i servizi Alta Velocità tra Londra, Birmingham e Manchester; in Germania e Repubblica Ceca, dove il Gruppo è presente con Netinera. Come annunciato, Trenitalia farà ingresso anche nell’Alta Velocità in Spagna ed entro fine anno circoleranno i Frecciarossa sulla rete ferroviaria del Paese.

Pubblicità